PERQTEN VOCALIS

ESTRATTI DAI VARI CORSI E SEMINARI

zucca zuzuca zuzu (corso di ritmica Bellinzona)
perQten workshop
seminario Cabbio
L’undicesimo comandamento (seminario scuola Dimitri)
drin la spesa (seminario scuola Dimitri)
coccodrillo affamato (corso di ritmica Bellinzona)

Vuoi prendere parte a un’iniziativa unica nel suo genere?
Una proposta che rimarrà nella tua memoria a lungo termine come un’esperienza creativa e profonda che ti fa rivivere la tua vibrazione primordiale?
Sulla scia delle esperienze accumulate negli anni di attività creative, con orchestre e gruppi, ho messo a punto nientemeno che il

 PerQten Vocalis
ossia l’altro modo di vivere ed essere di un Coro di voci

 Per quale motivo è nata questa idea?
Sempre più persone hanno un bisogno profondo di esprimersi attraverso unʼattività artistica pur ritenendo inizialmente di non essere all’altezza.
Questo sia per contrastare i ritmi di vita sempre più incalzanti, oppure per intraprendere un viaggio introspettivo che permetta di incontrare la vibrazione profonda che risiede in noi e che risuona fin da quando abbiamo messo piede sul pianeta terra.
Il perQten vocalis è la più puntuale risposta efficace a questo tipo di esigenza.
Il gruppo che nascerà si troverà sulla stessa modulazione di frequenza e condividerà il desiderio di addentrarsi nel misterioso mondo dellʼimprovvisazione spontanea, usando la voce e il proprio corpo come strumento oscillante.

Obiettivo del corso
Preparare uno spettacolo concerto da proporre al pubblico del Cantone.

In concreto
È un lavoro di ricerca sulle possibilità timbriche della voce coordinate a impulsi corporei, al di là del linguaggio e del canto tradizionali. Si andrà a indagare forme acustiche che vanno dal suono al rumore, alla scoperta di nuovi e inattesi orizzonti sonori.
Sviluppando una tecnica che permette di sentire a fondo le proprie capacità sonore inserite in un contesto di gruppo, passando da un suono ad un rumore, dal sussurro al grido, dalla sonorità cristallina e ondeggiante allʼespressione primitiva e percussiva.
In pratica si attiverà un vero e proprio gioco con la voce,
con il corpo, mani e piedi.

Il termine voce può altresì indicare, per estensione:
il verso emesso da un animale,
il suono di uno strumento musicale oppure
il prodotto di una manifestazione naturale.
In musica la voce è lo “strumento musicale” più istintivo, essa ha ispirato fin dalle origini le prime forme artistiche e la creazione di numerosi strumenti.
Con lʼesperienza del “perQten vocalis”, oltre a scoprire le varie possibilità della propria voce e gli impasti con altre voci e percussioni, si andrà ad elaborarle in ritmi fino a creare delle vere e proprie partiture dove la o le voci sono organizzate graficamente.

Per partecipare al corso è richiesto:
Entusiasmo, coraggio, voglia di esplorare percorsi sonori inusuali, una manciata di follia e una buona dose di curiosità.

iter in sintesi del perQten vocalissi sviluppa in un decalogo:

1- Esercitare la respirazione con semplici esercizi ginnici, mirati alla                      concentrazione, alla percezione del corpo e alla carica energetica
2-
Sviluppo di semplici esercizi ritmici corporei, una sorta di danza
3-
Ricerca delle possibilità timbriche della propria voce
4-
Lavoro sullʼimpasto con forme sonore prodotte da altre voci
5-
Coordinazione della sonorità attraverso il movimento del corpo
6-
Organizzazione dei gesti/sonori su una partitura, creata dai partecipanti
7-
Elaborazione di temi e trasformazione in brani musicali vocal-percussivi
8- Registrazione di vari brani
9-
Presentazione pubblica del lavoro di “perQten vocalis”
10-
Aver partecipato a un’esperienza unica e indimenticabile, una sinfonia di trasformazione personale e di gruppo.

Cosa aspetti ad aderire a questo percorso originale?
E’ accessibile davvero a tutti, l’importante è solo mettersi in gioco e giocare come bambini che accettano di partire per un’avventura e che non sanno bene cosa succederà, ma che sarà una bella esperienza, indimenticabile, da uscirne trasformati.

Materiale da portare:
abiti comodi, materiale per scrivere e un quaderno per disegnare e prendere appunti, un memori stik per caricare l’opera finale, una borraccia di acqua, è possibile fare foto.